PreVisioni e PreSentimenti - PreVisioni e PreSentimenti

PreVisioni e PreSentimenti di Francesco Morace

RSS Feed

PreSentimento 159. La centralità delle circostanze

22 giugno 2011. A tre anni da questo presentimento tra i più lanciati nel futuro tra tutti quelli finora proposti negli ultimi tre anni, credo sia importante sottolineare che insieme alla capacità di adeguarsi alle circostanze, riemerge il bisogno per racconti di verità. Ma questa è un'altra storia.

 

Data del presentimento: 22  giugno 2008

Le icone e i miti oggi non nascono da un racconto di verità, ma dalle circostanze. E’ necessario quindi un approccio che sappia prendere sul serio le circostanze senza essere esse stesse opera delle circostanze. Ciò implica che il pensiero sappia vegliare sui sogni, sulle fantasie, sulla straordinaria possibilità di evadere dal principio di realtà. E’ infatti questa evasione che permette a una cultura di essere ciò che è. E’ per questo che diventa importante descrivere la fioritura contemporanea delle icone che emergono e svaniscono qua e là, esprimendo la rigenerazione periodica, ciclica, a spirale, della giovinezza del mondo. E’ normale peraltro che siano le giovani generazioni quelle che, senza alcuna vergogna, prendano sul serio questa fioritura. I loro eroi musicali, la loro compresenza su Messanger, i loro sincretismi esistenziali, non hanno paura di proporre i nomi delle divinità e degli eroi che credevamo dimenticati. Senza saperlo, nel loro nomadismo esistenziale, queste generazioni ripropongono il paradosso attraverso cui Goethe aveva definito la natura: un ordine mobile. La nostra difficoltà di adulti è però riuscire ad afferrarli. Esiste una necessità, qualcosa di intangibile, un ordine: attraverso figure emblematiche, ma con una mobilità che le rende attuali, e che ci ricordano quanto il mondo sociale sia, prima di tutto, il risultato delle nostre rappresentazioni, della nostra immaginazione. Come faceva intendere Joyce nel suo Ulisse il mito non ha altra funzione che illuminare, facendola bruciare, l’anima oscura del mondo. Il presentimento è che oggi ci sia molto da illuminare, bruciando.

Data di scadenza: 22 giugno 2028